Flora intestinale, probiotici, fermenti lattici…facciamo un po’ di chiarezza

Flora intestinale, probiotici, fermenti lattici sono termini sempre più diffusi ma sappiamo veramente a cosa si riferiscono? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza

Il tratto gastrointestinale alla nascita è sterile, la flora intestinale inizia a costituirsi però rapidamente già a partire dal parto (attraverso la colonizzazione con i microrganismi provenienti dal tratto riproduttivo e fecale della madre e più avanti grazie all’allattamento, all’ambiente e all’alimentazione) ma per diventare davvero matura devono trascorrere alcuni anni. È composta da miliardi di microrganismi differenti e il suo corretto funzionamento è cruciale non solo in riferimento al tratto gastrointestinale ma per l’intero organismo. Oltre alle funzioni digestive e intestinali si occupa, infatti, della sintesi di alcune sostanze e della protezione nei confronti di virus e di batteri.

Sono tanti i fattori che possono determinare uno squilibrio della flora intestinale: infezioni causare da virus o batteri, l’assunzione di alcuni farmaci (antibiotici in primis), stati emotivi alterati, cambio della dieta o del clima, stile di vita. Ed ecco allora che insorgono disturbi intestinali: diarrea, stipsi, gonfiore, mal di pancia… che colpiscono maggiormente i bambini, a causa di una flora batterica ancora immatura.

effetti collaterali antibiotici

I probiotici sono dei microrganismi vivi usati per integrare la flora intestinale regolando l’equilibrio dei microbi ivi presenti; i probiotici, infatti, una volta giunti nell’intestino si moltiplicheranno (e questo li distingue dagli ormai famosi fermenti lattici composti di batteri vivi ma non vitali perché incapaci di riprodursi nell’intestino). I probiotici sono sicuri per gli esseri umani con effetti benefici sulla salute, come suggerisce il termine stesso che letteralmente significa “a favore della vita” e rappresentano un utile ausilio nel trattamento di alcune patologie gastrointestinali, anche infantili.

Esistono diversi tipi di probiotici che si differenziano per il ceppo batterico di appartenenza quindi è opportuno scegliere quelli più efficaci per le proprie esigenze. È bene comunque consultare sempre il medico che saprà consigliarvi rispetto alla scelta del prodotto, alle dosi e al tempo di assunzione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...